• Non mi piace definirle agiografie, come se fosse lecita una letteratura esclusivamente dedicata ai santi. Infatti questa, in passato, seppure con eccezioni, è stata percorsa con conseguenze a mio avviso poco buone: molti testi devozionali, al limite del credibile. Insomma, preferisco chiamarle biografie. E fa niente se i due protagonisti sono stati l’uno canonizzato, l’altra beatificata. Le loro storie hanno diritto d’esistenza in sé, come tutti i racconti sono ordinarietà e straordinarietà insieme.

    Biografie. Questo il genere dei miei due ultimi libri usciti l’uno a un giorno di distanza dall’altro, pur avendovi lavorato in tempi diversi. Il 30 agosto “Francesco di Paola, un eremita nel mondo” (Rubbettino), il 31 agosto “Eurosia. Come un fiore di campo” (Edizioni San Paolo). La vita di Francesco Maltolilla, per tutti Francesco di Paola, e la vita di Eurosia Barban, conosciuta come mamma Rosa. La prima biografia me l’ha proposta Rubbettino. La seconda è stata più un’idea mia.