Il nuovo attivismo dei vescovi e il lavorìo per il movimento partitico

Su repubblica.it scrivo della prolusione del cardinale Gualtiero Bassetti al Consiglio permanente della Cei, e dedico parole al nuovo attivismo dei vescovi che fra Natale e Capodanno è stato capace di fermare il cambio di regolamentazione dell'Ires che avrebbe danneggiato il Terzo settore.

Fra Natale e Capodanno, scrivo, lo scontro fra Chiesa e governo sull’Ires era stato importante. Dopo un primo annuncio da parte del governo penalizzante per il Terzo settore, la Chiesa aveva reagito con una intervista dello stesso Bassetti a Repubblica nella quale il porporato aveva chiesto direttamente a Salvini di attaccare "noi vescovoni" ma di lasciare stare "chi aiuta gli altri". Dietro a Bassetti erano andati anche i francescani del Sacro Convento di Assisi che per voce di padre Enzo Fortunato avevano definito la prima decisione del governo come la volontà di “distruggere il bene”, il tentativo di “destabilizzare chi vuol essere strumento di bontà”. E ancora: “Si cerca di tagliare la possibilità di fare di più”.
 
Poche ore dopo l’uscita di padre Fortunato, l’assistente di Luigi Di Maio chiamò Assisi e assicurò da parte del vice premier un passo indietro del governo a gennaio. Per la Chiesa la contro decisione fu figlia della ragionevolezza: il Terzo settore, è il matra ripetuto dai vescovi ancora oggi, svolge un ruolo sussidiario che lo Stato non può che valorizzare.
 
L’uscita di Bassetti su Repubblica, in ogni caso, ha mostrato un attivismo della Cei come da tempo mancava. Non a caso, proprio in queste ore, si torna a discutere negli ambienti ecclesiastici di un nuovo impegno dei cattolici in politica. Sempre su Repubblica un mese fa è stato il vescovo emerito di Prato, Gastone Simoni, ad annunciare l’idea del ritorno di un partito unico dei cattolici. Un’ipotesi che al momento non sembra del tutto percorribile seppure Cei, e anche Vaticano, spingano decisamente per una presenza che non sia relegata a mera comparsa. Il futuro, insomma, sarà un superamento della diaspora di ruiniana memoria dei cattolici in tutti gli schieramenti e andrà invece verso un vero e proprio movimento partitico.


APPUNTAMENTI


Il 12 dicembre alle 20.30 sono a Riva del Garda (presso i Missionari Verbiti, Sala del dialogo, via Venezia 47/E) dove parlerò all’interno di “Scrutare Orizzonti” del presente e del futuro della Chiesa, cinque anni dopo (ormai quasi sei) dall’elezione di Francesco

Sottoscrivi la newsletter

Libri

Prima o poi arriverò al nocciolo, a quel gheriglio di scrittura innanzi al quale ogni altro tentativo al confronto non potrà che impallidire
© 2019 All Rights Reserved. Powered by Pastorello's